Ordine delle Professioni Infermieristiche OPI Brindisi
News OPI

RIFORMA DEL CODICE DEONTOLOGICO: LE OSSERVAZIONI DEL COLLEGIO IPASVI DI BRINDISI

LE OSSERVAZIONI DEL COLLEGIO IPASVI DI BRINDISI SULLA PROPOSTA DI RIFORMA DEL CODICE DEONTOLOGICO DELL’INFERMIERE
Con la circolare n.6/2017 del 1° febbraio 2017, inviata a tutti i Collegi IPASVI, la Federazione Nazionale annunciava l’avvio della consultazione pubblica sul testo della prima stesura del Nuovo Codice deontologico dell’infermiere.
Tale consultazione veniva suddivisa in due fasi distinte:
– nella prima veniva data ai singoli infermieri iscritti nell’albo dei singoli Collegi la possibilità di accedere ad un’area riservata dell’Albo Unico Nazionale per consultare il testo del progetto di riforma del Codice con la facoltà di inserire, entro il termine del 30 aprile 2017, un commento per ogni capo ed articolo ed un commento generale;
– nella seconda fase veniva data ad ogni Collegio Provinciale la possibilità di consultare e scaricare le osservazioni al testo della riforma inserite dai propri iscritti ed elaborare a propria volta le osservazioni su ogni articolo ed un commento generale da inviare entro il 31maggio 2017.
Con circolare della FNC n.29 del 28 aprile 2017 i termini fissati per le osservazioni dei singoli iscritti e dei Collegi venivano prorogati rispettivamente al 31 maggio 2017 e al 30 giugno 2017.
Infine con circolare n.49/2017 del 3 luglio 2017 il termine a disposizione dei Collegi Provinciali per l’invio delle osservazioni e del commento veniva ulteriormente prorogato di qualche giorno.
Il Collegio IPASVI di Brindisi provvedeva agli adempimenti indicati entro il termine stabilito e il 29 giugno 2017 trasmetteva alla Federazione Nazionale dei Collegi IPASVI le osservazioni ai singoli articoli ed il commento generale sulla proposta di modifica del Codice Deontologico dell’Infermiere insieme ad una nota esplicativa del lavoro svolto.
L’elaborato trasmesso viene oggi pubblicato sul sito Istituzionale del Collegio IPASVI di Brindisi unitamente al testo delle circolari della Federazione Nazionale e al progetto di riforma proposto in prima istanza dalla Federazione, al fine di portarlo a conoscenza della generalità degli iscritti.

Sia consentito tuttavia descrivere il percorso che ha portato all’elaborazione del documento inviato in Federazione e spiegare come l’iniziativa sia scaturita dall’Assemblea del Collegio IPASVI di Brindisi:
– partendo dalla consapevolezza che il Codice Deontologico non è una raccolta di principi astratti eternamente validi, ma piuttosto la cornice di valori che in un determinato momento storico rappresentano l’identità della professione, si comprende la scelta della Federazione Nazionale di progettare la riforma del Codice Deontologico come sintesi dei contributi individuali offerti dagli iscritti.
– la validità del metodo scelto ha trovato pieno accoglimento presso i Collegi, traducendosi in alcuni casi in autonome proposte di riforma fino a travalicare gli obiettivi perseguiti dalla Federazione.
– Il Collegio IPASVI di Brindisi, riscontrata l’esiguità delle osservazioni e dei commenti individuali dei propri iscritti, al fine di procedere utilmente al lavoro di sintesi richiesto dalla Federazione Nazionale, ha ritenuto di proporre la riflessione sulla riforma al Codice Deontologico nell’ambito dell’Assemblea Ordinaria  annuale degli Iscritti, quale momento fondamentale della vita professionale Ordinistica.
          Ebbene, la proposizione degli argomenti deontologici nell’Assemblea tenutasi il 23 giugno 2017 ha suscitato immediatamente un confronto ed una discussione tali da determinare la costituzione, presso la sede del Collegio IPASVI di Brindisi, di un gruppo di lavoro al quale hanno preso parte il Consiglio Direttivo nella sua totalità e alcuni volontari designati dall’Assemblea degli Iscritti: Antonella ANZILLOTTI, Patrizia CAMPANA, Monica NATALI, Maria Josefa SUMMA.
          Il confronto dialettico nel gruppo così costituito, attraverso un lavoro di lettura e di commento degli articoli della proposta di riforma e di confronto di essi con quelli del Codice Deontologico vigente, ha prodotto, con stupore dei partecipanti, un testo organico di riforma.
          Momenti fondamentali della discussione sono stati quelli in cui si è ravvisata la necessità di includere nel testo del Codice Deontologico parole chiave come assistenza Infermieristicaresponsabilitàautonomia ritenute rappresentative di concetti che costituiscono patrimonio comune della professione, capaci di tratteggiare in poche parole l’identità dell’infermiere.
           Oggetto di particolare dibattito sono stati gli argomenti riguardanti le relazioni con la persona assistita, i rapporti con i colleghi e con gli altri professionisti, i rapporti con l’organizzazione dell’ambiente di lavoro e con il Collegio Professionale di appartenenza.

         Si pubblica dunque in allegato e si propone all’attenzione degli iscritti il TESTO COORDINATO DELLA PROPOSTA DI MODIFICA prodotto dal gruppo di lavoro istituito presso il Collegio Provinciale IPASVI di Brindisi con il quale si è inteso fornire alla Federazione Nazionale dei Collegi IPASVI un contributo di suggerimenti e istanze originate dall’Assemblea Ordinaria degli Iscritti, confidando che esso possa costituire un valido contributo al lavoro di riforma da eseguirsi ad opera del Comitato Centrale.

Firmato

Il Presidente Collegio IPASVI Brindisi
Triennio 2015-2017
Dr.ssa VITA Annamaria

Download

Related posts

Lettera Presidenti Ordini per Modello UNI/2019

Antonio Scarpa

Primo premio tesi di laurea

Antonio Scarpa

Nuovo ruolo da protagonista dell’infermiere nel management clinico

Antonio Scarpa